Come sviluppare un e-commerce di successo

Come sviluppare un e-commerce di successo

Il settore dell’e-commerce è uno dei pochi in Italia che, nonostante le incertezze dei mercati finanziari ed un’economia reale sempre più rivolta verso la recessione, è riuscito a mostrare un trend decisamente in crescita. Infatti, il volume di affari avvenuti sul web tramite piattaforme di e-commerce ha un saldo positivo con incrementi annuali in termini percentuali a due cifre. In ragione di ciò, sono sempre di più le attività che si affacciano a questo importante bacino con il chiaro intento di aumentare il proprio business. Tuttavia, lo sviluppo di un’attività di e-commerce per essere vincente non può limitarsi soltanto all’implementazione della piattaforma attraverso la quale rendere accessibile ai possibili cliente i prodotti o i servizi proposti, bensì prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali. Per prima cosa occorre confrontarsi con il mondo dei social network, che è uno straordinario e sconfinato bacino dal quale poter attingere clienti.

Infatti, sono milioni gli internauti che quotidianamente accedono ai vari social network (Facebook, Twitter, Google + e tantissimi altri) per interagire con amici e parenti lontani, dibattere con altre persone di alcuni temi di strettissima attualità, condividere le proprie emozioni, proporre dei contenuti multimediali e via dicendo. Chiaramente pubblicizzare in questa sorta di piazze virtuali il proprio brand e il proprio prodotto o servizio ha certamente un grandissimo impatto, in quanto saranno tantissimi gli utenti che ne prenderanno visione, e magari, siccome interessati, accederanno alla piattaforma di e-commerce. Per ottenere ciò, occorrono quanto meno due importanti pilastri: una pagina aziendale o un account a seconda del tipo di social network e uno strumento che consenta di ottimizzare la campagna pubblicitaria. Senza dubbio Facebook offre la possibilità di poter implementare entrambe le cose con successo.

Infatti, è opportuno e possibile creare una pagina aziendale piuttosto curata, continuamente aggiornata da uno o più admin (amministratori) deputati alla sua gestione con contenuti che informino in maniera esaustiva sulla ragione sociale dell’azienda e presentino efficacemente i prodotti proposti. Sarà poi compito degli admin far crescere la pagina, in termini di visite, quanto più possibile. Ovviamente nella pagina deve essere presente un collegamento che rimandi il possibile cliente sulla piattaforma di e-commerce affinché possa eventualmente concretizzare l’acquisto. Il secondo importante strumento è Facebook Ads, grazie al quale è possibile creare una campagna pubblicitaria con annunci e banner che verranno resi visibile ad un numero prestabilito di utenti al giorno. Si tratta di un servizio a pagamento ma che potrebbe rivelarsi estremamente redditizio. Altro aspetto da tenere in considerazione è quello dei motori di ricerca. Infatti, i motori di ricerca - come i social network - sono molto utilizzati dagli utenti. Si calcola che circa il 90% delle persone che si collegano ad internet come prima cosa effettuano una ricerca tramite i suddetti piattaforme come Google (soprattutto) o Yahoo. Da ciò si evince quanto sia importante riuscire a far rientrare tra i primi risultati la propria piattaforma di e-commerce, in quelle ricerche inerenti ai prodotti trattati. Tutto questo si traduce in un grande volume di visitatori verso il sito e quindi maggior probabilità di guadagni. Per fare ciò possono essere seguite due strade che si possono tranquillamente combinare.

La prima è quella di ottimizzare il sito rispetto alle parole chiave di interesse. Questa opzione non porta a risultati immediati ma nel medio e lungo periodo propone ottimi volumi di traffico, a patto di essere effettuata in maniera ottimale. L’altra è quella di utilizzare uno strumento a pagamento che inserisca automaticamente e senza alcuno sforzo nei primi risultati della ricerca il proprio sito. Uno di questi strumenti, certamente il più utilizzato e conosciuto, è Google Adwords. Grazie a Google Adwords è possibile far confluire verso il proprio sito un buon numero di possibili clienti a fronte di spese comunque contenute. Tuttavia creare una campagna con Google Adwords non è cosa semplicissima soprattutto per chi non ha dimestichezza. Infine, l’ultimo aspetto da prendere in considerazione è quello della pubblicità online. Una pratica che richiede un’attenta analisi del settore nel quale si opera, dei competitor presenti sul web e su quali siano i luoghi virtuali dove investire al fine di ottenere il maggior ritorno possibile. Dovranno essere creati banner pubblicitari e annunci il più efficaci possibile in termini di grafica, di slogan e di grandezza.