E-Commerce: i dati del 2017 e le proiezioni del 2018

E-Commerce: i dati del 2017 e le proiezioni del 2018

Data di pubblicazione: 12-01-2018

L’inizio di ogni nuovo anno è sempre il momento migliore per tirare le somme dell’anno appena conclusosi e per cercare di fare qualche proiezione in merito a quello che verrà.

Per quanto riguarda l’E-Commerce, abbiamo a che fare con risultati decisamente molto interessanti e in merito ai quali vale la pena riflettere in maniera approfondita, in modo tale da ottenere un quadro preciso della situazione e riuscire a capire quali sono state e quali saranno le reali performance del commercio cosiddetto digitale.

E-Commerce: ecco come è andata nel 2017

Stando alle statistiche, pare che il commercio digitale sia in continua ascesa. Se, da canto suo, il 2016 aveva fornito interessanti spunti di riflessione in tal senso, il 2017 non ha fatto altro che confermare questo trend positivo.

Entrando più nello specifico, ad avere battuto tutti è stata ancora una volta la Cina che è riuscita a salire sul gradino più alto del podio in fatto di penetrazione di vendite sul web. A seguire troviamo la Corea del Sud e il Regno Unito.

Battuta d’arresto, invece, per gli Stati Uniti d’America che non riescono ad andare oltre il settimo posto. L’Europa, invece, sta continuando a crescere in maniera interessante, con la Germania che sembra avere tutte le carte in regola per trainare anche gli altri Paesi in fatto di vendite online. Una cosa è certa: quello della Cina è un primato difficilmente attaccabile.

Nel 2017, infatti, si è affermata con forza la teoria che vede l’Oriente protagonista della rivoluzione dell’E-Commerce, al contrario di ciò che sta accadendo oltreoceano. Il mercato online USA, ad esempio, nel 2017 ha perso il 19,9%. Per quanto riguarda i colossi che si sono distinti nel 2017 non possiamo non menzionare Alibaba che è stato utilizzato da addirittura 488 milioni di utenti i soli 12 mesi.

In merito alle categorie merceologiche, i dati parlano chiaro: ad interessare più di tutti sono i libri, i film, la musica e i videogames. I prodotti cosiddetti di intrattenimento, pertanto, sembrano essere i più appetibili anche rispetto all’abbigliamento e agli alimenti.

Questi dati postivi, però, sembrano non riguardare l’Italia. Nonostante un timido avvicinamento al settore dell’E-Commerce, i numeri sono ancora troppo poco interessanti. La crescita di questo settore in Italia, nello specifico, si trova ancora al di sotto del 10%.

Le previsioni per il 2018 dell’E-Commerce

Riuscire a comprendere ciò che potrà succedere nel prossimo futuro per l’E-Commerce è davvero molto difficile. Il settore, infatti, è particolarmente imprevedibile e i fattori che incidono sono moltissimi. In ogni caso, stando ai trend del momento, pare che il 2018 sarà l’anno degli E-Commerce gestiti dai liberi professionisti rigorosamente indipendenti.

Riuscire ad aprire un’attività autonoma non è mai stato più semplice di adesso e, pertanto, si stima un incremento dei negozi virtuali di tale tipologia particolarmente interessante. Tra i trend del 2018 ci sono anche i cosiddetti AI, legati a doppio filo con gli ormai famosi chatbot.

Ad essere in drastica espansione è la custode experience che si sta affermando sempre di più soprattutto grazie al fatto che si dimostra versatile e particolarmente pronta a recepire ogni genere di richiesta da parte degli utenti. Ciò vuol dire che l’E-Commerce nel 2018 sarà sempre più concentrato sulle reali esigenze e richieste dei clienti in modo tale da fornire risposte sempre più personalizzate. Ciò riguarderà direttamente sia gli E-Commerce gestiti dai liberi professionisti autonomi che i grandi brand.