5 Consigli Utili per una newsletter che funzioni

5 Consigli Utili per una newsletter che funzioni

Ogni e-commerce che si rispetti possiede il proprio servizio di newsletter per fidelizzare e tenere aggiornati i propri clienti.

Dai più popolari siti di vendita di abbigliamento fino alle aziende che operano sui mercati fisici, l'e-mail marketing rimane, nonostante l'arrivo di nuove sofisticate tecniche, un ottimo strumento a disposizione delle imprese.

Rispetto a qualche anno fa, però, la strategia di gran parte delle imprese che la utilizzano è cambiata: oggi si punta a ridurre al minimo, se non abolire, l'invio di contenuti spam per clienti non interessati e focalizzarsi maggiormente sui soggetti potenzialmente interessati.

Andiamo a vedere come si crea un'efficace strategia di e-mail marketing tramite la newsletter.

Più contenuto e meno scena nelle vostre newsletter

La prima regola per la creazione di un'efficace newsletter è proprio la più facile: dare risalto al contenuto. La maggior parte degli utenti del web, infatti, riceve un gran numero di messaggi sulla propria posta elettronica e finisce per lasciare in sospeso gran parte di essi per dedicarsi esclusivamente ai contenuti più accattivanti.

Per questa ragione, ogni newsletter che si rispetti deve concentrare il proprio contenuto al minimo indispensabile, senza sacrificare la chiarezza del messaggio e, soprattutto, senza far sentire il destinatario come uno dei tanti.

Da ciò arriviamo alla regola numero 2 di una buona newsletter, ovvero quella di rispettare e far sentire speciale ogni destinatario che sarà raggiunto da una propria e-mail. Probabilmente la più difficile da mettere in pratica, la regola della personalizzazione, se ben sfruttata, può conferire un buon vantaggio competitivo.

I siti web più attrezzati riescono ad eseguire una suddivisione dei contenuti e a recapitare ai propri abbonati offerte o messaggi personalizzati, senza perciò dover sprecare energie, tempo e denaro; il destinatario sarà sempre piacevolmente sorpreso di essere tenuto in considerazione dal mittente.

Alcuni utili accorgimenti possono essere di grande aiuto per l’email marketing

Pur privilegiando il cuore del contenuto, conoscere alcune tecniche si rivela anch'esso di primaria importanza. In una e-mail efficace, ad esempio, porre delle scadenze temporali al destinatario costituisce sempre un incentivo importante; e, se per chi vende prodotti farlo può risultare quasi naturale, chi offre servizi e/o contenuti gratis spesso tende a dimenticarsene.

Puntare sull'effetto temporale, invece, induce la mente del destinatario a pensare di dover prendere al balzo un'opportunità e di non lasciarsi scappare qualcosa di potenzialmente interessante. Ogni singola parte del messaggio, sempre considerata la gran quantità di messaggi che arrivano al nostro destinatario, dovrà inoltre cercare di essere il meno banale possibile: lo stesso contenuto, scritto con una formula più allegra ma spigliata, sarà accolto sicuramente con favore.

Tutto ciò che abbiamo detto, poi, lo inseriamo nella cornice di un lavoro grafico comunque all'altezza, e qui arriviamo al quinto aspetto di una newsletter che funzioni: dare il giusto peso al design. Lo scopo del lavoro a livello grafico è di sorreggere ed agevolare la lettura/visione del contenuto principale; gli occhi del destinatario dovranno cadere subito sul vero oggetto del messaggio, in una struttura grafica leggera e dinamica.